DGR 7769 RSA Aperta

La misura innovativa RSA aperta, introdotta dalla D.G.R. n. 856/13 e successivamente revisionata e confermata dalla D.G.R. n. 2942/14, ha fornito negli anni un’ampia serie di interventi, a favore di persone affette da demenza e di anziani non autosufficienti, nonché dei loro famigliari, erogati da unità d’offerta accreditate della rete dei servizi del I° pilastro del welfare (RSD, Residenze Sanitarie Assistenziali, Centri Diurni Integrati).

La misura ha inteso promuovere, in una logica di prossimità, la flessibilizzazione del sistema di offerta tradizionalmente rivolto alla cura delle persone anziane, valorizzandone le competenze. La misura ha riconosciuto la possibilità di erogare diverse tipologie di servizi, sia all’interno delle strutture, consentendo al target di utenza individuato, l’accesso anche per poche ore, sia all’esterno direttamente presso il domicilio delle stesse

Destinatari:rsa aperta 3

I destinatari sono persone residenti in Regione Lombardia, iscritte al sistema sanitario regionale, affette da demenza certificata da specialista neurologo/geriatra oppure persone non autosufficienti di età superiore ai 75 anni, riconosciuti invalidi civili al 100% e con una scala barthel modificata <25.

Verifica requisiti d’accesso- valutazione multidimensionale:

Il cittadino interessato alla misura deve presentare la richiesta direttamente alla RSA scelta tra quelle che hanno sottoscritto il contratto con l’ATS. Spetta alla RSA individuata dal cittadino la preventiva verifica dei requisiti di accesso e di eventuali incompatibilità.

In caso di verifica positiva dei requisiti di accesso, la RSA individuata dal cittadino effettua la valutazione multidimensionale al domicilio della persona, anche assicurando i necessari raccordi territoriali (MMG, Comune, ecc.). La valutazione dovrà essere effettuata da un medico, preferibilmente geriatra, e da un’altra figura professionale, preferibilmente assistente sociale. Dovendo la valutazione considerare sia aspetti di natura clinico – sanitaria, sia di natura socio – ambientale e relazionale, in alternativa alla figura dell’assistente sociale, potranno essere impiegati altri operatori con competenze specifiche per gli ambiti indicati, quali psicologo, educatore, terapisti della riabilitazione.

L’azione:

Si concretizza in un evoluzione flessibile dei servizi/interventi/prestazioni erogabili dalle rsa in una logica di multi servizi per una presa in carico integrata di una persona residente al proprio domicilio o direttamente in RSA tramite una valutazione multi dimensionale dei bisogni operata dall’ATS di provenienza. Si prevedono interventi di natura socio sanitaria, quali, a mero titolo esemplificativo e non esaustivo, le seguenti prestazioni:

riabilitative: interventi erogabili al domicilio e finalizzati alla stimolazione e al mantenimento delle capacità motorie, diversificati in ragione degli obiettivi che si intendono perseguire

educative: interventi specifici per ogni singolo soggetto basati su tecniche mirate e differenziate aventi come obiettivo quello di massimizzare le funzioni residue attraverso l’utilizzo di tutte le risorse interne ed esterne disponibili per mantenere il più possibile l’autonomia individuale; interventi consulenziali rivolti alla famiglia e finalizzati alla gestione del disturbo del comportamento della persona affetta da demenza; interventi finalizzati a sostenere il caregiver nella gestione delle dinamiche relazionali con il paziente affetto da demenza.

assistenziali: interventi atto a garantire il benessere della persona affetta da demenza e che prevede il supporto al caregiver nell’espletamento dell’igiene personale completa; interventi volti a favorire la permanenza delle persone al proprio domicilio e a supportare il caregiver in condizioni impreviste o occasionali

infermieristiche: interventi finalizzati ad aiutare i familiari/caregiver ad adottare le soluzioni atte alla gestione di difficoltà legate alla malnutrizione/disfagia; interventi volti ad aiutare la famiglia a individuare soluzioni, adattando gli ambienti in funzione delle difficoltà/esigenze della persona affetta da demenza. Hanno l’obiettivo di favorire l’orientamento dell’anziano nel proprio domicilio, garantire la sicurezza e facilitare il riconoscimento degli oggetti d’uso quotidiano; interventi finalizzati ad aiutare i familiari/caregiver ad adottare le soluzioni atte alla gestione delle difficoltà legate all’assistenza quotidiana.

Per attivare il servizio è necessario  recarsi al distretto di competenza.

Contatti:

  • telefono: 0362.57791
  • fax: 0362.542489
  • reperibilità telefonica: 393.8241734

Ci troviamo in viale Trieste 1 Barlassina ( MB ) presso la RSA Luigi Porro

Carta dei servizi RSA Aperta
Popular 310.74 KB
07/11/2019 13:43:44

Modulo domanda per RSA Aperta
Popular 430.33 KB
07/11/2019 13:43:45